notizieFFF


discografia

gallery

eventi

contattaci

links







testi.....
Affaccete Marì
Festa Farina e Folk

da una poesia di J. Tusiani (La serenata), Matteo Di Carlo, alias Mattè Paletta ha apportato delle modifiche e sulla melodia di "I' so menute apposta dallu vosche" ha donato a tutti i sammarchesi quella che poi è diventata la serenata di San Marco in Lamis.

Affaccete Marì che jè fatte jurne
cantene li vucelle inte la caiola
lu fiore ienne asseccate e non addora
affaccete Marì nu quarte d’ore

Seppine oie Seppine sonne affacciata
m’ha resbegghjate questa serenata
però tu tante forte non cantanne
tegne paura che resbegghje a mamma

Ie cantarria pe te dova o tre iora,
alluccarria cchjù forte de nu tenore
l’allucche arrevarriene fine e ‘nciele
resbigghjarria tutte lu munne intere.

Ma ditte iere sera la mamma mia
che madda dà pe dodda la massaria
però se spose a te non eavè nente
madda fa ascì da qua come na pezzente

Non vogghje né dodde e né massaria
vogghje che tu menisse alla casa mia
non né lenzola e né cuscine,
vogghje lu core tova a me vucine

Scorda lo mio beni, scordalo mio cari
mi t’ami tanto, mi t’ami tanto, mi t’ami ancor


 

 

< indietro


 








 

 

 

 

 

 

Copyright © 2007 festa farina e folk Tutti i diritti riservati.