notizieFFF


discografia

gallery

eventi

contattaci

links







testi.....

TARANTELLA NOVA:

Passioni, desideri, modi di vita e modi di essere sono qui espressi in maniera reale e metaforica. In questo brano sono riportate strofe che non sono state mai cantate o accennate solo qualche volta nella comune tarantella sammarchese “Quante abballa lu ricce e la cestunia”, ecco perché nuova. E’nuova anche nella interpretazione musicale dove però non manca il richiamo alla tarantella sammarchese tradizionale.

 

TARANTELLA NOVA
(tradizionale- Festa Farina e Folk)

Prima de n’chianà te vuleva addummannà
Se tenive li panne a jotte te putive maretà

Li panne a jotte li tegne e a uanne jè malannata
Me so n’chianate li cacchje n’cape e non me vogghje cchjù maretà

Rizze e voje rizze lu maccature a quatte pizze
Lu maccature arrecamate, lu ninne mia pe suluddate

Mamma me l’ha ditte fa l’amore citte citte
Me l’eja cumpessate, fa l’amore non jè peccate

Quante abballa lu ricce e la cestunia
Lu lepre ce l’allaccia li scarpune

Li femmene de Viche sapene coce li ciammariche
Li mettene allu sole e fanne ascì li corna fore

Li femmene de Monte tenne li scarpe a doje ponte
Juna ‘nnanze e juna derete e ponne ji a cavà li prete

Li femmene de Sante Marche so tutte genejose
Lu sapene purtà lu zenale spampanate

Ammente e timme ammente famme stà n’ora cuntente
Famme stà n’ore prijate pe truvà lu ‘nnammurate

Quanne me more eja rumanè ditte
Pe capezzale vogghje l’ova fritte

Stu core l’eje perse a mmeze la via
Tu certe l’ha truvate bellezza mia

Vurria fa l’amore cu li duje frate
June pe zite e l’ate pe cajnate

Vurrìa che chjuvesse maccarune
e na muntagna de casce rašcate.

Uh, se ‘nchjane suse lu sacce i’ che t’eja fa’
t’eja rompe la seggiola, non t’eja fa’ cchjù assetta’.

Uh, com’eja fa’ pe avé nu uasce?
pigghje la paledda e vaje pe foche.

Se ce n’addona mammane ‘stu uasce:
è stata la sciaragghja dellu foche.

Vurria ‘nchjanà ‘ncele se putesse
cù na scaledda de trecente passe.

Arrevasse alla metà e ce rumpesse
menesse lu ninne mia e m’aiutasse.

Che me ne ‘mporta se me ne cadesse
abbasta che jerria ‘mbracce a gghjsse.

La maddamma mia non m’ha date nente
m’ha date lu figghje sova pe passà lu tempe.

< indietro
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 








 

 

 

 

 

 

Copyright © 2007 festa farina e folk Tutti i diritti riservati.